Autostrada, barriere fonoassorbenti: la Giunta scarica sul governo le responsabilità e dice no al Pris

Barriere fonoassorbenti, Rossetti (PD) “La Giunta scarica sul governo la responsabilità di chiedere ad Autostrade gli indennizzi per i cittadini e un cambio del cronoprogramma dei lavori e dice no alla valutazione di riattivazione del Pris”

“La Giunta non dà soluzioni per gli indennizzi ai cittadini e per il cronoprogramma dei lavori previsto da autostrade per il riposizionamento delle barriere fonoassorbenti. Con una motivazione inaccettabile l’assessore Giampedrone dice no alla valutazione di attivazione del tavolo del Priss, ritenendolo una misura inutile per imporre ad autostrade di risarcire i cittadini e dicendo che invece serve una norma dello Stato per risolvere il problema. Con il Pris invece si aprirebbe la valutazione di una misura concertativa, che permetterebbe di chiedere ad autostrade, come è giusto, di risarcire i cittadini e sarebbe un segnale di attenzione. Se poi la Regione ritiene che serva una norma del governo per ottenere questo, presenti un ordine del giorno in aula e noi lo voteremo. È condivisibile che la norma Priss per essere utilizzata ha bisogno di modifiche, abbiamo però registrato l’indisponibilità della maggioranza a votarla. Siamo convinti che la Regione ha la responsabilità di attivare ogni misura possibile per migliorare le condizioni di vita dei cittadini liguri, ma non lo fa”, così il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti dopo la discussione in aula del suo Ordine del giorno sui Programmi regionali di intervento strategico (Priss) e rimozione barriere fonoassorbenti.

 

“Da quando, dopo la tragedia del Ponte Morandi, sono state rimosse tutte le barriere fonoassorbenti autostradali moltissimi liguri sono costretti a vivere come in una piazzola di sosta ai bordi dell’autostrada: rumori costanti, anche di notte e con le finestre chiuse, polveri sottili, inquinamento acustico e ambientale, certificato in modo costante da Arpal. Costretti a prendere psicofarmaci per riposare senza vedere soluzioni all’orizzonte. La data di inizio lavori in alcune tratte prevista da Autostrade è nel 2028, ciò suona come una beffa: aspettare dieci anni, dal 2018 al 2028, per iniziare a mettere le barriere fonoassorbenti non è accettabile. Bisogna ridare una speranza di giustizia a tutti coloro che soffrono da anni. Chiederò una Commissione Consiliare urgente perché Regione Liguria non si può defilare in questo modo ed è chiamata a dare risposte e a trovare il modo di occuparsi dei cittadini liguri. E penso anche che Regione Liguria debba pretendere da autostrade un cronoprogramma che anticipi le scadenze date finora, un cronoprogramma che non può prevedere l’inizio dei lavori nel 2028”, conclude Rossetti.

Autore

Group 86

Il lavoro del gruppo

Press
Armando Sanna
Potenziamento linea ferroviaria, Sanna (PD), Candia (LS); Rossetti (AZ): “Il potenziamento dei treni estivi…
Press
Roberto Arboscello
Auto infermieristica Valbormida, Arboscello (PD): “Automedica India  diventi stabile. Chiesto approfondimento in Commissione per avere…
Press
Luca Garibaldi
Salute simplex, Garibaldi (PD): “300mila euro di soldi pubblici per raggiungere 20mila persone, solo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *