Bilancio 2023, le proposte del Gruppo PD in Regione: una contro manovra da 19 milioni di euro

Bilancio 2023, Le proposte del Gruppo PD in Regione: una contro manovra da 19 milioni di euro per garantire a tutti il diritto alla cura e supportare il personale sanitario. Contrastare la povertà alimentare e il caro energia. Misure per l’assunzione a tempo indeterminato di giovani under 35, trasporti pubblici gratis per gli studenti e combattere la povertà educativa. Aumento fondi ai centri antiviolenza e promozione campagna contraccezione nei consultori”

Con oltre 50 emendamenti e più di 20 Ordini del giorno il Partito Democratico presenta le sue proposte al Bilancio di previsione 2023 della Giunta Toti per offrire una sanità più equa e in grado di garantire il diritto alla cura a tutte e tutti, anche investendo sulla ricerca e sulla medicina di genere, e offrire al personale sanitario, sempre più soggetto a burnout, quel supporto psicologico necessario per uscire da una condizione di sofferenza. Dare risposte a chi è stato più fortemente colpito dal caro energia e dall’inflazione, una porzione di popolazione sempre più ampia che va dalle famiglie alle imprese fino agli impianti sportivi, i circoli, ma anche Soms e Rsa. Riportare i giovani in Liguria con misure che prevedano incentivi per chi assume personale under 35 e aumentare la platea dei percettori di borse di studio per sostenere i percorsi di formazione. Sostenere le donne nel pagamento delle spese legali per le vittime di violenza e promuovere campagne anticoncezionali nei consultori. Senza dimenticare l’ambiente a partire dalla cura dei versanti e il sostegno agli agricoltori.

“Di fronte alle tre crisi che stanno colpendo il Paese, quella energetica, quella inflazionistica e quella del materie prime, la Liguria si muove sempre un passo indietro rispetto al resto d’Italia e soprattutto non attua misure in grado di invertire la rotta e rilanciare il territorio. Dalla Sanità ai giovani al lavoro, si replicano schemi già visti. Abbiamo presentato una contromanovra di 19 milioni di euro per dire che è possibile intervenire sui capitoli più urgenti investendo fondi ulteriori per far ripartire la sanità, offrire ai giovani una prospettiva lavorativa e di studio, per poter scegliere il loro futuro, garantire la sicurezza sul lavoro e difendere un territorio fragile come quello ligure a partire dalla cure dei versanti”, dichiarano i consiglieri del Gruppo PD in regione Liguria.

Di seguito le principali proposte del PD divise per temi 

Sanità
Di fronte a un sistema sanitario ligure sempre più in sofferenza il Gruppo del Partito Democratico Ligure chiede, tra le prime misure da mettere in campo, lo smaltimento delle liste d’attesa, a partire da quelle dei bambini e bambine disabili rafforzando le strutture che si devono occupare dello scorrimento delle liste. Tra le proposte anche la formazione gratuita degli Osss per aumentare il numero di personale sanitario disponibile e di cui il sistema sanitario ha fortemente bisogno e garantire più borse di specialità per i medici neolaureati, accanto al sostegno psicologico al personale sanitario in burnout, che continua a pagare il carico di lavoro dell’emergenza pandemica. Proponiamo inoltre di sostenere il personale sanitario che lavora nei Pronto soccorso estendendo il contributo aggiuntivo previsto per i medici anche ai infermieri e operatori del 118. Interventi anche nei consultori, promuovendo una campagna per la contraccezione. Infine per garantire a tutti l’accesso alla cura, ticket gratis per i minori in affido nelle comunità. Per incentivare gli specialisti che devono lavorare in province fuori Genova a spostarsi, chiediamo l’apertura di foresterie in ogni Asl per offrire un alloggio e una sistemazione ai medici vincitori di nuovi bandi concorsuali. Per realizzare tutto questo chiediamo una riprogrammazione dei fondi pari a 3,5 milioni di euro.

Povertà
Inflazione e caro energia hanno ampliato la platea dei cittadini che necessitano di un sostegno economico per questo abbiamo proposto misure per il contrasto alla povertà alimentare  sostenendo con maggiori risorse il Banco alimentare, il Fondo per la morosità incolpevole e quello antiusura per un totale di 700mila euro in più da inserire su questa voce.

Giovani

È di 2 milioni e 600mila euro la cifra prevista per misure a sostegno dei giovani. A partire dall’aumento del numero di borse di studio da offrire a una platea più ampia di giovani e la proposta di un abbonamento  per il trasporto pubblico locale dedicato agli studenti. Tra le proposte anche una misura per contrastare la povertà educativa e invertire la tendenza che vede sempre più ragazzi e ragazze abbandonare la scuola e la riduzione dell’Irap per le aziende che assumono under 35 a tempo indeterminato. Per incentivare il rientro dei laureati in Liguria, prevediamo un meccanismo di incentivi economici per chi assume laureati che rientrano da altre Regioni e dall’estero, oltre al mantenimento della Dote sport per le famiglie a basso reddito.

Caro energia

Sostegno nel pagamento delle bollette per Soms, Rsa, terzo settore e impianti sportive e piscine; promozione e incentivi per il reddito energetico, prevedendo l’installazione di impianti fotovoltaici per aiutare famiglie a basso reddito; utilizzo del Fondo strategico regionale per incentivare la transizione ecologica – misura indispensabile visto che il Piano energetico regionale è scaduto nel 2020 – sono alcune delle proposte per contrastare il caro energia e favorire la transizione ecologica per un valore totale di 2 milioni di euro

Ambiente
Tra le misure a sostegno del territorio e dell’ambiente sono previsti contributi a sostegno dei progetti dei comuni per la difesa del suolo e un nuovo fondo per tutelare i versanti oltre a ulteriori fondi a favore della banca della Terra per acquistare terreni abbandonati e recuperarli e per coprire le spese che gli agricoltori devono sostenere per i danni causati dalla Fauna selvatica e il recupero dei muretti a secco, per un totale di 3 milioni di euro.

Lavoro

Le continue morti e infortuni sul lavoro impongono una riflessione e misure in grado di garantire sicurezza, oggi sempre più compromessa anche a causa della mancanza di personale negli organi preposti a vigilare. Per questo chiediamo di prevedere un milione di euro da investire per la sicurezza sul lavoro e il potenziamento degli Psal (Dipartimenti prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro)

Diritti
Sensibilizzare alla cura di genere al fine di garantire parità di accesso e appropriatezza delle prestazioni mediche, con l’adozione di un approccio in ambito sanitario calibrato anche sulle donne, creando reti specialistiche multi disciplinari e prevedendo campagne di informazione e sensibilizzazione sulla salute di genere. Sempre a sostegno delle donne va l’aumento dei fondi  per affrontare le spese legali di chi è vittima di violenza e sostegno ai centri antiviolenza. 

Per contrastare la ludopatia chiediamo che venga  applicata la legge per contrastare la presenza delle slot vicino a luoghi sensibili e il finanziamento a chi fa interventi per garantire l’accesso dei disabili alle strutture balneari. Per un totale di 200mila euro.

Trasporti

Sei milioni per  rifinanziare il fondo trasporti tagliato dal governo Meloni e promuovere un abbonamento agevolato ai lavoratori che usufruiscono dei mezzi pubblici.

Pnrr

Visto che nei prossimi anni avremo miliardi di investimenti chiediamo che venga istituita una cabina di monitoraggio del Pnrr e una commissione speciale per avere chiarezza sui progetti che verranno finanziati e saranno fatti.

Autore

Group 86

Il lavoro del gruppo

Press
Roberto Arboscello
Piaggio Aerospace, Arboscello (PD): “Ok dal consiglio regionale all’Odg per valutare disponibilità di Leonardo…
Press
Roberto Arboscello
Concessioni balneari, Arboscello (PD): “Basta annunci e slogan, è tempo che la politica si…
Press
Davide Natale
Call center Customer Digital Service della Spezia: Natale (PD), Centi (LS), Ugolini (M5S): “Ok dal…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *