Dimensionamento scolastico: Cronaca di un disastro annunciato

Dimensionamento scolastico, Arboscello, Pastorino, Rossetti e Tosi: “Cronaca di un disastro annunciato” 

 

La Giunta regionale della Liguria, su proposta dell’assessora alla Scuola Simona Ferro, ha approvato l’integrazione del piano di dimensionamento della rete scolastica e piano dell’offerta formativa 2024/2025, portando a 12 le autonomie scolastiche a fronte delle 16 previste dal Ministero dell’Istruzione.

Una decisione che arriva dopo un iter travagliato composto da una bocciatura del Ministero e la completa assenza di un dialogo con i territori coinvolti. “Si tratta della cronaca di un disastro annunciato. Come ampiamente detto sia durante le audizioni in Commissione che hanno preceduto l’approvazione del piano sia in Consiglio Regionale, il dimensionamento scolastico previsto dall’Assessora alla Scuola Ferro ha enormi ed evidenti lacune”. Lo dichiarano i Consiglieri Regionali Gianni Pastorino (Linea Condivisa), Roberto Arboscello (Partito Democratico), Pippo Rossetti (Azione) e Fabio Tosi (Movimento 5 Stelle).

“Nessuno ci ha ascoltato e la Giunta Toti è voluta andare avanti andandosi a schiantare contro un muro dopo il parere contrario da parte dal Governo che, nonostante sia guidato dalla stessa parte politica che governa la Regione, ha sollevato l’inadeguatezza del piano.

Durante la discussione del piano come Consiglieri di opposizione avevamo più volte richiesto che la circolare nazionale non fosse ottemperata da Regione Liguria in quanto i ridimensionamenti scolastici richiesti risultavano onerosi per famiglie, studenti, operatori scolastici e istituzioni locali e scolastiche. Ci siamo sentiti dire che questo non era possibile e che la giunta aderiva a quanto richiesto dalla circolare ministeriale.

Preso atto dell’indirizzo dell’Assessora Ferro di seguire le indicazioni provenienti dal Ministero sarebbe stato necessario un profondo coinvolgimento dei territori, delle istituzioni comunali e scolastiche e un approccio positivo con i corpi intermedi quali le associazioni sindacali e le associazioni di categoria. Ovviamente non è avvenuto nulla di tutto questo.

Abbiamo assistito al caos e alla confusione pura. L’Assessora Ferro non ha preso in considerazioni le contraddizioni che si sono create nei diversi territori: a Spezia è stato imposto il numero di dimensionamento scolastico, la Città Metropolitana di Genova si è completamente disinteressata della questione e problemi di metodo e tempistiche si sono registrati sia a Savona che a Imperia. Insomma una figura imbarazzante nello spezzino che risulta il territorio più penalizzato e l’incapacità manifesta dell’Assessora a dialogare con la Città Metropolitana, forse per timore nei confronti del sindaco metropolitano.

Ora il pasticcio è competo: quel piano di dimensionamento scolastico tanto voluto dalla Giunta Toti è stato bocciato e oggi il nuovo piano presentato in tutta fretta dall’Assessora Ferro rappresenta l’ennesimo fallimento di una Giunta richiamata all’ordine dai vertici governativi.

Il centrodestra litiga al proprio interno: l’Assessora Ferro viene attaccata sia da alcuni Consiglieri Regionali di maggioranza che da alcuni sindaci di centrodentra.

Non più tardi di tre giorni fa nell’ufficio di presidenza si è cercato di far passare velocemente il nuovo piano di dimensionamento come una semplice pratica amministrativa, dimentichi di quel che è successo. Si vogliono tagliare le audizioni dei territori di Spezia e Imperia limitandosi alle modifiche sulla Città Metropolitana e su Savona senza avere contezza che questo metodo ha creato contraddizioni enormi tra i vari territori.

Solo le questioni poste da noi hanno portato alla presentazione del piano di oggi. Ci saranno poi audizioni giovedì 25 gennaio a cui chiederemo siano ascoltati tutti i territori della Liguria e non solo Genova e Savona”.

Autore

Group 86

Il lavoro del gruppo

Press
Roberto Arboscello
Piaggio Aerospace, Arboscello (PD): “Ok dal consiglio regionale all’Odg per valutare disponibilità di Leonardo…
Press
Roberto Arboscello
Concessioni balneari, Arboscello (PD): “Basta annunci e slogan, è tempo che la politica si…
Press
Davide Natale
Call center Customer Digital Service della Spezia: Natale (PD), Centi (LS), Ugolini (M5S): “Ok dal…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *