Giù le mani da Gallino e Micone: il collasso dei Pronto Soccorso non si evita con la chiusura di punti di primo intervento

Sanità, Rossetti (PD): “Giù le mani da Gallino e Micone: il collasso dei Pronto Soccorso non si evita con la chiusura di punti di primo intervento sul territorio”

“In sei anni la Regione non ha fatto nulla per potenziare e difendere i Pronto Soccorso: l’organico è sotto dimensionato, mancano medici, infermieri, Oss rispetto a quanto previsto, gli stipendi sono insufficienti, il personale costretto a turni massacranti per mancanza di turn over, con pazienti in attesa per ore e ambulanze in fila agli ingressi perché sono finite le barelle. Angelo Gratarola, direttore generale del dipartimento regionale di emergenza e urgenza, in un’intervista al Secolo XIX dichiara che, vista la carenza di personale ‘bisogna ripensare alla rete ospedaliera e non si può continuare a tenere aperto tutto’: ritengo questa affermazione improponibile soprattutto se riferita ai punti di primo intervento come Gallino a Ponte X e Micone a Sestri Ponente. Va bene il ripensamento della rete ospedaliera – che è quello che avrebbe dovuto fare Toti – ma realizzarla pensando di chiudere i punti di primo intervento vorrebbe dire andare nella direzione opposta rispetto alle richieste di governo ed Europa, che spingono invece a rafforzare la rete territoriale”, dice il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti che in consiglio ha anche presentato un’interrogazione per chiedere alla giunta risposte sui Pronto Soccorso e le difficoltà che giornalmente affrontano gli operatori.

“Chiudere Micone e Gallino – riprende – non servirebbe a risolvere i problemi dei Pronto Soccorso, che invece subiscono le conseguenze di una sanità territoriale devastata: in questi anni i piccoli ospedali chiusi non sono stati sostituiti da nuovi, i centri intermedi per codici bianchi e verdi sono stati depotenziati, non ci sono infermieri né medici che possano seguire i pazienti a domicilio, i reparti specialistici ospedalieri sono pieni e non consentono di far passare velocemente le persone dal pronto ai reparti stessi.

Bisogna investire su urgenza ed emergenza e contestualmente sviluppare strutture territoriali che facciano da filtro a richieste e bisogni dei pazienti – nella maggior parte dei casi anziani – che trovando risposte, non avrebbero la necessità, se non in caso di reale emergenza, di rivolgersi al Pronto soccorso, riducendo i flussi di accesso.

Serve coordinare i tre Pronto Soccorso genovesi con procedure e regole omogenee a partire dell’adeguamento alle cinque classificazione di accesso che in Liguria, a differenza di tutte le altre regioni italiane, sono ancora ferme ai colori bianco, verde, giallo e rosso”.

Autore

Group 86

Il lavoro del gruppo

Press
Armando Sanna
Potenziamento linea ferroviaria, Sanna (PD), Candia (LS); Rossetti (AZ): “Il potenziamento dei treni estivi…
Press
Roberto Arboscello
Auto infermieristica Valbormida, Arboscello (PD): “Automedica India  diventi stabile. Chiesto approfondimento in Commissione per avere…
Press
Luca Garibaldi
Salute simplex, Garibaldi (PD): “300mila euro di soldi pubblici per raggiungere 20mila persone, solo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *